Mi Presento

 Home / L'esperto Risponde / >Mi Presento

L'esperto Risponde


DSA indica i Disturbi Specifici dell’Apprendimento che coinvolgono l’abilità di lettura, di scrittura e di calcolo.

Questo acronimo indica in particolare 2 caratteristiche predominanti:

 

  1. Sono specifici, cioè riguardano esclusivamente alcuni processi di apprendimento, cioè automatismi che non si sviluppano durante il percorso scolastico.
  2. Sono evolutivi: il disturbo di manifesta in età evolutiva. Il bambino DSA fatica a far diventare le capacità apprese in automatismo. i DSA non sono conseguenze di traumi, blocchi educativi, psicologici, relazionali e non nascono dalla poca applicazione allo studio.

Si può quindi dedurre che stiamo parlando di sviluppo atipico o neurodiversità, di caratteristiche individuali e non di patologia. Il bambino con DSA ha intelligenza e capacità cognitive adeguate alla sua età: può però apprendere con difficoltà e a ritmo più lento rispetto ai suoi coetanei perché fatica e disperde energie a causa delle sue caratteristiche individuali di apprendimento.

L’incidenza di questi disturbi è stimabile mediamente attorno al 3/4% a seconda dell’età, nonchè dei criteri e degli strumenti utilizzati dai ricercatori. Si tratta in ogni caso di valori importanti, poiché questo significa che in media ci possiamo aspettare la presenza di un alunno per classe con queste difficoltà.

 

DISLESSIA

Con il termine Dislessia si intende il Disturbo Specifico della Lettura, che riguarda la decodifica, ed include, oltre alle difficoltà nell’accuratezza della lettura delle parole, anche la velocità o fluenza della lettura e le difficoltà nella comprensione del testo.

La diagnosi di dislessia avviene quando il soggetto mostra capacità di lettura e scrittura sostanzialmente inferiori per età anagrafica

I primi segnali appaiono durante la seconda o terza elementare. 

 

DISGRAFIA

La disgrafia si manifesta all’incirca a partire dalla terza elementare, quando il bambino inizia ad aver automatizzato i gesti di scrittura, che viene personalizzata.

I bambini affetti da disgrafia hanno spesso un’impugnatura scorretta della penna e faticano a organizzare lo spazio sul foglio, lasciando spazi irregolari tra i simboli grafici, le parole, scrivendo in salita o in discesa e non riuscendo a regolare la pressione della mano sul foglio e, frequentemente, invertendo la direzione del gesto.

Altre difficoltà sono presenti:

  1. nella copia e produzione autonoma di figure geometriche e riproduzione di oggetti o copia di immagini, che risulta carente di particolari
  2. nella copia di parole e di frasi
  3. inversioni nella scrittura dei grafemi
  4. errori attribuibili a una scarsa coordinazione oculo-manuale
  5. il ritmo di scrittura è alterato (eccessivamente lento o veloce) e il gesto non è armonico e frequentemente interrotto con una perdita della naturale curvilineità

DISORTOGRAFIA

La disortografia è il disturbo specifico che coinvolge la correttezza della scrittura, cioè l’ortografia come capacità di scrivere rappresentando correttamente i suoni e le parole della propria lingua.

 

I bambini con questo tipo di disturbo commettono errori:

  1. fonologici: ne sono esempi la sostituzione di lettere simili (t al posto d, b al posto di v), l’aggiunta o la mancanza di lettere e sillabe, inversioni di lettere all’interno di una parola.
  2. non fonologici sono, per esempio, le separazioni e fusioni illecite (“la voro” invece di “lavoro” “ilcane” invece di “il cane”) e gli scambi o le omissioni di grafemi come “o” al posto di “ho” o “qucina” invece di “cucina”, l’aggiunta o l’omissione di lettere doppie.

DISCALCULIA

Discalculia si intende il Disturbo Specifico del Calcolo, che riguarda l’area matematica.

Discalculia è codificata come «Disturbo specifico dell’apprendimento con compromissione del calcolo» e include, oltre alle difficoltà nel concetto di numero, memorizzazione di fatti aritmetici, calcolo accurato o fluente, anche le difficoltà nel ragionamento matematico corretto.

 

I sintomi tipici della discalculia sono:

  1. Difficoltà ad effettuare un conto alla rovescia
  2. Scarsa capacità di effettuare stime
  3. Difficoltà nel ricordare i numeri
  4. Difficoltà nel capire il senso dei numeri
  5. Lentezza nei calcoli
  6. Difficoltà nelle procedure matematiche soprattutto quelle più complesse
  7. Evitamento di attività legate alla matematica che sono percepite come particolarmente difficili
  8. Scarse abilità aritmetiche mentali

Per informazioni

www.federicaferraris.it

 

AGAMICA
Associazione Genitori istituto comprensivo Cardano di Arnate e Madonna in Campagna

  •   Via P. Bellora, 8
    21013 Gallarate (VA)
  • Codice Fiscale: 91057780123
  • Partita Iva: 03458570128
  • Tel Presidente: 333.635.03.22

  • info@agamica.org

Agamica

Associazione Genitori istituto comprensivo Cardano di Arnate e Madonna in Campagna